SEM: Search Engine Marketing


La visibilità on line di un brand si ottiene mediante due tipologie di attività: SEO e PPC.

SEO e PPC sono i due principali strumenti che Google offre per incrementare la visibilità sul suo motore di ricerca.  Sono due strumenti complementari che in alcuni casi possono essere visti uno di supporto all’altro. In entrambi i casi, nonostante le loro differenze, entrambe le forme comportano un costo; infatti fare SEO significa progettare e ottimizzare siti web con contenuti utili, interessanti e aggiornati di frequente oltre al rispetto dei requisiti tecnici che devono essere conformi agli standard richiesti da Big G. Tutto ciò comporta dispendio e un costo in termini di risorse umane e informatiche. Come scritto sopra i modi per guadagnare visibilità su Google (ma anche su altri motori di ricerca) sono di due tipi: gratuito e a pagamento.

La visibilità organica grazie alla SEO

Per ottenere visibilità gratuita (detta anche organica) è necessario creare dei contenuti leggibili dal motore di ricerca in grado di apparire nella prima pagina delle ricerche di Google. L’attività di visibilità e conquista delle prime posizioni nelle pagine di Google è chiamata SEO acronimo di Search Engine Optimization attività che consiste nel rendere leggibile il sito ai motori di ricerca senza dimenticare che the content is king e che quindi prima che al motore di ricerca bisogna pensare ad offrire contenuti di interesse per l’utente che decide di cliccare sul nostro link. La conquista delle prime posizioni nelle SERP  (search engine result page) di Google è l’obiettivo primario in quanto gran parte degli utenti si ferma alla prima risposta del motore di ricerca. L’attività di SEO è un lavoro che richiede tempo, aggiustamenti, precisione e tanta dedizione.

La visibilità a pagamento grazie ad Adwords

Un altro modo per ottenere visibilità su Google è il sistema Pay Per Click di Adwords.

Adwords è il sistema pubblicitario di Google che consente ad un inserzionista di acquistare spazi pubblicitari all’interno dei risultati di ricerca (sono i collegamenti in cima e in basso con la sigla Ann.). L’inserzionista a fronte dell’investimento di una somma di denaro anche piccola, acquista le visualizzazioni negli spazi pubblicitari in corrispondenza di determinate ricerche o uso di specifiche keyword. Grazie ad Adwords un marchio, una attività, un blog possono essere subito in prima pagina per specifiche parole chiave e in relazione all’ammontare della somma investita. Con il Pay Per Click l’inserzionista pagherà solo i click che genereranno visite sul suo sito fino all’esaurimento del budget stanziato. Ovviamente più sarà importante e ricercata la keyword maggiore sarà la competizione e maggiori saranno i costi derivanti dall’utilizzo della piattaforma pubblicitaria.

Conclusioni

Su Google operano due distinte tipologie di visibilità: organica e a pagamento.

La prima comporta un lungo lavoro di ottimizzazione (SEO) ma può portare benefici nel lungo periodo grazie ad una efficace strategia.

La seconda, il PPC di Adwords, genera risultati immediati a fronte di costi anche crescenti in relazione alle parole chiavi prescelte.