Da qualche settimana Google ha annunciato che verranno mostrati più caratteri nelle meta description.

Cosa significa e come può influire a livello SEO questo cambiamento?

 
La meta description presente all’interno di una SERP descrive il contenuto che l’utente troverà all’interno di quella pagina web.

Un bravo consulente SEO sa che deve inserire negli snippet keyword correlate, così da indurre gli utenti a  cliccare sul risultato di ricerca. Una sorta di call to action che se impostata bene può generare un ottimo click-through-rate (CTR) organico.

Finora il numero di caratteri inseribili all’interno della meta description aveva un certo limite (circa 160) superato il quale il testo in più non era leggibile. Con questa modifica Google ha dichiarato di aver aumentato questi limite con questa dichiarazione:

“Di recente abbiamo apportato una modifica per fornire snippet più descrittivi e utili, per aiutare le persone a capire meglio come e se le pagine siano pertinenti alle loro ricerche. Ciò ha comportato un lieve aumento degli “snippet”.

Secondo i dati raccolti da RankRanger, gli snippet di ricerca ora sono compresi tra 160 e 230 caratteri con la conseguenza che ora ci saranno fino a sei righe di testo per ogni risultato “organico”. Questo però dipende dalla query. Infatti Google  ha  aggiornato non solo la lunghezza dello snippet ma anche le sue linee guida affermando che non esiste una regola fissa su quanto debbano essere le righe e dunque i caratteri nelle meta descrizioni.

Quali sono gli effetti lato SEO?

Gli esperti SEO si stanno chiedendo quali sia l’impatto lato SEO di queste modifiche:

  • Cosa succede alle meta description scritte in precedenza?
  • E’ necessario riscrivere quelle esistenti?
  • Riottimizzare le meta description presenti sulle pagine chiave è un passaggio necessario? Lo fa Google in automatico?

A rigor di logica, conoscendo il comportamento di Google sugli snippet, di frequente generati dinamicamente in base alla query dell’utente e al contenuto trovato sia nella meta description che nel contenuto visibile nella pagina, non dovrebbe essere necessario alcun intervento di ottimizzazione da parte dell’esperto SEO il quale potrà sfruttare a proprio vantaggio questo ampliamento dello snippet senza dover intervenire manualmente.

Nel caso Google mostrerà uno snippet più lungo lo farà estraendo il contenuto dalla pagina a cui fa riferimento.

Questa ipotesi è avvalorata da Danny Sullivan, il referente per la ricerca pubblica di Google, il quale ha affermato che non è necessario un intervento per “andare ad espandere i tag meta description”.
 meta description 

Per tutto ciò che concerne le attività future, ovviamente quando si scriveranno le meta description, sarà possibile utilizzare la maggior lunghezza offerta da BigG per inserire ulteriore testo e aggiungere una call to action accattivante per migliorare l’esperienza dell’utente per invogliarlo a fare clic.